Come lavora - FASTITALIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

SISTEMA
La messa in opera delle ancore a scomparsa FAST-PLANT® è estremamente rapida e semplice!
GUARDA IL  NOSTRO VIDEO  (Collegamento al video per la messa in opera FAST-PLANT®)
RICAPITOLIAMO LE POCHE, SEMPLICI E RAPIDE INFORMAZIONI ED AZIONI PER LA MESSA IN OPERA:
Nella parte posteriore dell’ancora è presente un foro nel quale va inserito l’attrezzo “asta di battuta”,  necessario a far penetrare l’ancora nel terreno.


Visione posturale dell'ancora ed il suo orifizio,ove andra' inserita" L'ASTA di BATTUTA" deputata ad inserirla nel terreno.
Particolare significativo del puntale "dell'ASTA di BATTUTA", l'attrezzo imputato ad inserirsi nell'orifizio dell'ancora onde spingere la stessa nel terreno.Si nota il taglio ìa 45° del puntale, che e'indispensabile nella fase di battuta ,inquanto non si inserisce solo nell'orifizio
ma e' stato studiato in modo che in fase di battuta ,aderisca anche sulla superficie restrostante dell'ancora in modo che non possa restare incastrato nell'ancora( dovuto al fatto del terreno che potrebbe incastrarsi tra le 2 componenti) ma per esprimere anche una maggiore spinta verso il basso visto la maggior superficie del retro dell'ancora.
Inserimento dell'asta di battuta nell'orifizio dell'ancora ,pronta alla battuta nel terreno.
Agganciata l’ancora  all’asta di battuta si  punta il dispositivo sul terreno. Con l’utensile adatto,  (mazza,  martello idraulico,  braccio meccanico, macchina  movimento terra) lo si fa   penetrare fino alla profondità  desiderata.
Inserimento delle" ASTE di TENUTA", onde evitare danni all'operatore che così sta' a debita distanza dalle macchine operatrici ,e o attrezzi atti alla battuta dell'ancora.
L’ancora, dopo essere stata introdotta in profondità nel terreno, viene posta in posizione di lavoro, agendo sul tirante, mediante l’attrezzo “GANCIO di TRAZIONE”.
Per l'ancora il porsi in posizione di lavoro, significa disporsi in orizzontale (Fig.1), in modo tale che le ali di cui è dotata si oppongano alla forza applicata l tirante.  Nel momento in cui inizia la trazione, l’ancora ruota di 90° disponendosi ortogonalmente ( Fig. 2) alla direzione di tiro, e tale configurazione offre la massima resistenza allo sfilamento.
Ad installazione avvenuta, fuori dal terreno rimane solo l’asola dell’estremità superiore del cavo a cui si andranno a collegare i tiranti dei sistemi che si vorranno ancorare al terreno.


Nei terreni caratterizzati da una minore dimensione di granuli, il basso angolo di attrito interno dà luogo a un tronco di cono poco inclinato (Figura 1), fino ad arrivare quasi ad un cilindro nelle ceneri (dove l’angolo di attrito tende a 0), con conseguente diminuzione del volume di terreno resistente. Il minor peso di terreno che si oppone allo sfilamento implica una minore resistenza dell’ancoraggio
Al contrario, nei terreni caratterizzati da una maggiore dimensione dei granuli, come sabbie e ghiaie, all’elevato valore dell’angolo di attrito interno corrisponde una superficie laterale del tronco di cono molto inclinata (Figura 2), con conseguente aumento del volume di terreno resistente. Il maggior peso di terreno che si oppone allo sfilamento consente all’ancoraggio una maggiore resistenza alla trazione.
Alla luce di quanto detto, la presenza di litologie sabbiose e ghiaiose compatte permette di ottenere buoni valori di resistenza allo sfilamento anche per ancoraggi messi in opera a basse profondità.
Al contrario, qualora si accerti la presenza di terreni sabbiosi sciolti o terreni di riporto, è necessario aumentare la profondità dell’ancoraggio per ottenere i necessari valori di resistenza.

Richiedete e visionate il nostro materiale tecnico-informativo nei file PDF iscrivendovi al Form-Contatti,  e vi saranno inviate tutte le specifiche richieste
FAST ITALIA SRLS. Via Valdorme n. 263  -  50053 Empoli (FI) – ITALY | P.I/C.F  06751340487
puccini.renzo@gmail.com  |  info@fastitaliasrl.it  |  amministrazione@fastitaliasrl.it
Ufficio + 39 347 6682167  |  Tel +39 348 7706460  |  Fax +39 0571 1826555
Torna ai contenuti | Torna al menu